I pungenti collages di Eugenia Loli

Rising Mountain

uk-icon Un collage è sempre il risultato di immagini che già esistono e che una volta ‘assemblate’ insieme stimolano a vedere nuove ed inaspettate chiavi di lettura. É però un processo associativo meno immediato di quanto si possa pensare. Basta vedere le opere di Eugenia Loli  per rendersi conto che un collage può diventare un vaso di Pandora, da cui si libera un incessante flusso di significati mutevoli. Continua a leggere

Benvenuti a Djerbahood, capitale della Street Art

uk-icon Il piccolo villaggio tunisino di Erriadh  è rimasto sconosciuto ai più fino all’estate scorsa, quando è stato trasformato in un museo all’aria aperta unico e stupefacente, chiamato Djerbahood.

Dal giugno del 2014 150 artisti provenienti da più di 30 nazioni hanno raggiunto Erriadh e lavorato alla realizzazione di murali e graffiti sui muri di case e negozi. A settembre il villaggio ha accolto il completamento di Djerbahood, un ‘quartiere’ straordinario che sta diventando il più interessante museo dedicato alla street art.

FLEGM-01-01-site-djerbahood

work by Phlegm (UK)

Continua a leggere

Tang Chiew Ling – Foglie, pennarello e shilhouettes di carta

uk-icon Imbattersi nella graziosa arte di Tang Chiew Ling è quasi una manifestazione di serendipità per me, perchè nel suo lavoro si combinano alcuni elementi che mi hanno interessato di recente – e nello specifico: quello che un artista può fare con le foglie (si veda l’arte di Hillary Fayle), inventare con pochi segni a pennarello su foglio bianco (si veda il lavoro di Rafael Mantesso) e mettere in scena con figurine di carta (si veda la fotografia di Jorge Miranda).

hair Continua a leggere

É di nuovo tempo di foglie con Hillary Fayle

uk-icon Sono doppiamente in ammirazione di fronte all’arte di Hillary Fayle, che poeticamente combina due cose che amo: le foglie e il ricamo.

08

01 Continua a leggere

Rafael Mantesso e Jimmy Choo – Un’amicizia che nutre l’ispirazione

01

uk-icon I cani sono creature incredibilmente ispiratrici. Lo sa bene l’illustratore e designer brasiliano Rafael Mantesso. Lasciato in una casa priva di mobili dopo un divorzio, Mantesso ha avuto solo il suo cane Jimmy Choo (un bull terrier a cui l’ex ha dato il nome del famoso stilista) a tenergli compagnia e sollevargli il morale. Con spirito ingegnosamente spiritoso, Mantesso ha cominciato a utilizzare i muri bianchi com sfondo per inscenare bizzarri siparietti con Jimmy Choo come protagonista. L’artista disegna con pennarello nero su cartoncino bianco vari sfondi. La ‘vignetta’ è completata dall’irresistibile presenza di Jimmy Choo che posa nelle più varie vesti, con risultati teneramente divertenti. Mantesso giura che anche Jimmy Choo si è divertito. E noi con lui… Continua a leggere

Jorge Miranda – Il sogno proibito di un regista

uk-icon Si può facilmente immaginare che uno dei sogni proibiti di un regista potrebbe essere quello di far fare ai propri attori le cose più improbabili e pericolose in ambientazioni inusuali e inverosimili. Di stanza a Miami, il filmaker Jorge Miranda ha trovato una via percorribile per realizzare almeno in parte questo sogno. Il risultato è un incredibilmente divertente campionario di sketches surreali.

y8 Continua a leggere

La creazione degli animali secondo Ricardo Solís

uk-icon La deliziosa produzione del messicano Ricardo Solís illustra la sua personale versione del mito della creazione degli animali. Solís attinge alla sua immaginazione infantile e traspone su tela le sue bizzare e divertenti ipotesi sul perché gli animali appaiono come appaiono.

01armadillo Continua a leggere