Archivi categoria: Paper Art

Grottesco delizioso: i collages di Katie McCann

uk-icon I collages di Katie McCann ritraggono creature graziosamente bizzarre che potrebbero benissimo far parte di una dimenticata favola vittoriana. Le sue immagini evocano Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie, le fantascientifiche avventure di Jules Verne e Frankenstein in un colpo solo.

0114
03

La principale ispirazione che sta dietro ai collage di Katie McCann è riassunta in una citazione da Charles Altamont Doyle (il padre del più famoso Arthur Conan Doyle): ‘Ho conosciuto una simile creatura…’ Infatti l’arte della McCann prende origine dalla risposta che la sua immaginazione dà al mondo naturale, una risposta fantasiosa ma non per questo meno reale. L’artista ha tenuto viva la sua capacità di bambina di saper vedere lo straordinario in quegli oggetti ed elementi naturali apparentemente ordinari, come le ali degli insetti e delle farfalle, le conchiglie, le ossa e le foglie. In virtù di questo, i suoi collages sono popolati da figure ibride che ricordano le fantastiche creature che animano tanta letteratura infantile dell’epoca vittoriana.

04a050602
Katie McCann assembla i suoi curiosi personaggi con frammenti presi da fotografie e illustrazioni vintage che recupera da vecchi trattati di medicina, cataloghi scientifici e naturalistici. L’artista meticolosamente ritaglia minuscole ali da insetti, foglie e petali dalle piante, ossa e altre parti anatomiche da animali e umani. Costruite in questo modo, le sue opere somigliano alla sua personale e soggettiva camera delle meraviglie, come se si trattasse della collezione di scoperte entomologiche e anatomiche fatte dalla sua immaginazione.

07a09a

I fantastici animali che Katie McCann mette insieme alla maniera di Frankenstein diventano così gli esemplari di un catalogo scientifico mentre le sue eleganti bambole di carta stanno in piedi su zampe d’uccello e hanno le tenaglie d’aragosta al posto delle mani. L’artista spesso incorpora pizzi, perline e tessuti nei collages, dando loro un effetto tattile delicato ed intricato che rende le sue figure ‘grottesche bellezze’ piuttosto che ‘mostruosi scherzi della natura’.

0809101107Ai giorni nostri ‘essere contemporanei’ troppo spesso suona come un imperativo che limita la creatività anziché allargarne i confini. Per fortuna Katie McCann non ha paura di definirsi vecchio stile né di farsi interprete moderna di quel grottesco così tipico dell’arte vittoriana. Una contemporanea erede ideale di quei tempi, l’artista mescola insieme universi visivi eterogenei, come la natura, la scienza e la moda, provocando quel sentimento di improvvisa sorpresa che nasce quando i confini tra lo strano ed il bello smettono di esistere.

1213

Come succede nei film di Tim Burton e nei romanzi di Edward Carey, l’arte di Katie McCann conserva una qualità poetica senza tempo, che deriva dal suo essere cupa e inquietante e per questa stessa misteriosa ragione delicata e tenera.

1516Per scoprire altri collages di Katie McCann visitate il suo sito Beetle Blossom e andate a vedere il suo portfolio su Flickr.

Grazie a Katie McCann per l’utilizzo delle immagini.

via e MORFES

uk-icon

Annunci

I pungenti collages di Eugenia Loli

Rising Mountain

uk-icon Un collage è sempre il risultato di immagini che già esistono e che una volta ‘assemblate’ insieme stimolano a vedere nuove ed inaspettate chiavi di lettura. É però un processo associativo meno immediato di quanto si possa pensare. Basta vedere le opere di Eugenia Loli  per rendersi conto che un collage può diventare un vaso di Pandora, da cui si libera un incessante flusso di significati mutevoli. Continua a leggere

Tang Chiew Ling – Foglie, pennarello e shilhouettes di carta

uk-icon Imbattersi nella graziosa arte di Tang Chiew Ling è quasi una manifestazione di serendipità per me, perchè nel suo lavoro si combinano alcuni elementi che mi hanno interessato di recente – e nello specifico: quello che un artista può fare con le foglie (si veda l’arte di Hillary Fayle), inventare con pochi segni a pennarello su foglio bianco (si veda il lavoro di Rafael Mantesso) e mettere in scena con figurine di carta (si veda la fotografia di Jorge Miranda).

hair Continua a leggere

Moneygami – Hasegawa Yosuke

I soldi ispirano la creatività! Eh già, perché si può anche fare qualcosa di diverso che spenderli o sprecarli. Come il giapponese Hasegawa Yosuke.

[uk-icon English version]

Continua a leggere