Secret Identity di Simon Monk

uk-icon Le immagini di Simon Monk mi colpiscono per due motivi. Intanto per il soggetto rappresentato: i supereroi più popolari ridotti a puppazzetti di plastica e intrappolati in una busta di plastica trasparente. Ma dopo essere divertita da ciò, mi sono anche accorta che si tratta di pittura eseguita con incredibile padronanza ad un tale livello di iperrealismo che nessuno lo crede possibile appena lo dico.

Ho visto questi dipinti per la prima volta mentre facevo ricerca sul web. Ed eccolo lì: Bat Man! Ultimamente mi imbatto quasi ogni giorno in opere d’arte che hanno Bat Man come soggetto tanto che ad un certo punto mi son decisa ad archiviare tutte le immagini che ritraggono questo personaggio che mi ‘perseguita’. Il Bat Man immortalato da Simon Monk ha però un posto speciale. Direi quasi che è ‘mortalato’ piuttosto che immortalato. La potente posa di sfida, i muscoli in tensione, il corpo pronto a sconfiggere chiunque incroci il suo cammino armato di cattivi propositi. E tutto per che cosa? È stato appena ridotto ad oggetto da collezione, che l’ossessiva cura del collezionista ha messo in una bustina trasparente. Un supereroe ridotto ad oggetto di contemplazione. Esattamente come quei fumetti conservati in buste di plastica in modo che non non vengano più toccati per esser letti, nel nome di una sterile conservazione.

Conosco fin dall’infanzia tutti questi personaggi e anche le loro identità segrete. Secret Identity è il nome di questa serie (ancora in progress) con cui Simon Monk non sta semplicemente celebrando queste icone di mascolinità. Il titolo di ogni lavoro fa riferimento all’identità umana dei vari Bat Man, Robin, Superman e tutti gli altri. Ci troviamo di fronte ad una maschera e persino quella maschera è resa oscura dal gioco dei riflessi di luce prodotti dalle buste di plastica.

La resa delle immagini tramite la pittura testimonia la notevole abilità tecnica di Simon Monk. L’artista vede la sua condizione di pittore come quella dei supereroi della sua serie: tutte le sue fantasie (da considerarsi come superpoteri) devono essere ingabbiate in un’immagine. In più in studio la complessa personalità di Simon Monk diventa la maschera uni-direzionale del pittore.

La produzione di Simon Monk non si riduce però ai supereroi. Per saperne di più potete visitare il suo sito.

Grazie a Simon Monk per l’uso delle immagini.

(Via ruines humaines)

uk-icon

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...